💔[Sei fedele al venerdì?] Fedeltà, Iperlocal, Formaggino, Graffette

Il venerdì di [mini]marketing

💔[Sei fedele al venerdì?] Fedeltà, Iperlocal, Formaggino, Graffette

di Gianluca Diegoli • Newsletter #21 • Visualizza online

Constatazione della settimana: dopo aver già scritto della teoria della coda del carrello (le persone agganceranno il carrello nella fila più vicina, e più lunga, fino a occupare la strada e lasciare le altre file vuote), ora ho pensato la teoria del sottopasso al binario: “le persone preferiranno aspettare fino a dieci minuti di coda per scendere dalla scala più vicina pur di non fare 20 metri in più a piedi e scendere dagli scalini della parte opposta”. Default, sbatti, ecc.

HO SCRITTO DI FEDELTÅ

La fedeltà e il marketing

Consapevolezza dell'infedeltà patologica e giustificata

www.minimarketing.it • Condividi

Sullo stesso argomento, in precedenza

La fedeltà tende a zero (e pure la fidelizzazione) | [mini]marketing

Nell'epoca delle recensioni, la fidelizzazione è un miraggio.

www.minimarketing.it • Condividi

"Il cliente affezionato è un costo" | [mini]marketing

Pretende attenzioni speciali, e non glielo perdoniamo.

www.minimarketing.it • Condividi

LOCAL STRATEGY LIVE: COSA MI PORTO A CASA

Il digital sta diventando sempre meno web, più app e più immerso nella vita reale, se lo possiamo ancora chiamare digital, o come dicono quelli molto milanesi phygital. Google Maps e – forse, in futuro le ricerche vocali – ci stanno mostrando uno spaccato di un'umanità che consuma – consapevolmente o meno – una enorme quantità di tempo per eliminare altri tempi per (inserire a scelta tra “cercare percorsi” “trovare prodotti” “scegliere luoghi”), fornendo una quantità inimmaginabile di dati a Google (e gli altri).

E sarà un'umanità che troverà cose che non stava cercando, in quanto il ranking decisivo del futuro sarà il livello di zoom nel quale la tua attività o punto vendita comparirà nella app di Maps (o in una app di AR iper-local).

E sarà un'umanità soggetta a un algoritmo “nella vita reale”: peggiore (o migliore) di quello di Facebook, che seleziona il ranking degli amici e dei brand. Quello di Google selezionerà la realtà delle nostre città – vedremo con gli occhi quello che Google vorrà farci vedere, sulle mappe. Sempre che non arrivi qualcuno, come Apple, con mappe privacy-first e senza (troppi) dati di ritorno, per una fetta di pubblico – minoritaria – che non scambia i propri dati per sapere qual è il miglior bar per fare colazione scelto rispetto alle tue preferenze passate.

(Grazie a Luca Bove per l'invito. A proposito, se non ne sai molto di Google Local & My Business, c'è il suo corso di Luca, su Digital Update)

INTANTO, A DIGITAL UPDATE

Su Digital Update ha esordito Francesca di Cecio, Head of Influencer Marketing in Imille Agency con un post e un corso, per mantenerci fermi nel principio “solo chi fa, insegna”.

ESPERIENZE DI CUSTOMER EXPERIENCE

Quando gli utenti stufi generano da soli.

Quando gli utenti stufi generano da soli.

PROGRAMMATIC GONE WRONG

Da un po’ Martino Pietropoli viene sottoposto da Booking a uno strano bombardamento di pessime camere, cessi e foto assurde. Clicca sotto per vedere le altre foto nel tweet.

martino/pietropoli

@mpietropoli

Torna a grande richiesta la rubrica "LA VENDETTA DELL'ALGORITMO" con i più succosi annunci di Bookings (un caso per @gluca) https://t.co/be6KSATPtV

10:15 AM - 29 May 2019

STRATEGY SCHOOL

IPSE DIXIT

Per qualche perversa ragione, è spesso più divertente desiderare qualcosa che averla. - David Foster Wallace

IL QUIZ DELLA SETTIMANA

La pubblicità di Philadelphia in stazione a Bologna

La pubblicità di Philadelphia in stazione a Bologna

Quanto Philadelphia consuma ognun* appartenente al culinariamente sofisticato popolo italiano, all'anno?

a) 100 grammi b) 400 grammi c) 1 chilo circa

CORSO DI MARKETTESE

I nuovi packaging firmati %agenzia% nascono dall’esigenza, espressa da %cliente% in fase di brief di gara, di distinguersi a scaffale con un’immagine contemporanea e catchy che potesse invogliare il consumatore a scegliere i burger %brand% rispetto ai competitors, ma anche motivare il consumatore finale a fare una scelta diversa dai soliti burger di carne.

COSE UTILI

Discover local with UrbanBird

Un mio pallino di sempre è usare (ancora di più) Instagram in versione Tripadvisor: ho organizzato i luoghi da vedere l'anno scorso, per il mio viaggio in Finlandia, seguendo alcuni profili e inserendo le foto geolocalizzate nelle mie board private di Instagram. Questa app trova in automatico le cose più fotografate nei dintorni, anche in versione realtà aumentata, così potete andare in giro per le città seguendo le foto degli altri, un po’ come nella nuova modalità 3D AR delle Google Maps.

urbanbird.io • Condividi

Un anno di Tendenze 2018 | Tendenze online

Tutto quello che avreste sempre voluto chiedere alla rubrica “quiz della settimana” e anche “perché la dispensa è morta”. Se lavori nel largo consumo o nella distribuzione è da leggere assolutamente.

issuu.com • Condividi

CORSO DI UX

GADGET DA MARKETER

Marketing emiliano

Marketing emiliano

NEGOZIANTI

Il marketing insegnato (d)ai negozianti

Il marketing insegnato (d)ai negozianti

Galline libere e felici, i negozianti diventano purpose driven.

ilmarketinginsegnatodainegozianti.info • Condividi

SALUTI E BACI

Stay human,

gluca

b) 400 grammi

(Se ti è piaciuta, inoltra. Grazie)

Ti piace questa newsletter?

di Gianluca Diegoli

Lettera settimanale su marketing, digitale, strategia, retail, e-commerce.

Tweet Condividi

Se non vuoi più questi aggiornamenti, cancellati qui.

Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.

Curato con passione da Gianluca Diegoli con Revue.

minimarketing® Somewhere from internet in Emilia