🛥[potrebbe essere venerdì] Funnel, Social Object

Il venerdì di [mini]marketing

🛥[potrebbe essere venerdì] Funnel, Social Object

di Gianluca Diegoli • Newsletter #5 • Visualizza online

…e come al solito cose utili e divertenti.

Guardavo le statistiche, ancora quasi il 50% di aperture. Grazie, sono molto contento. Ci sono però anche 500 persone che non hanno mai aperto la nuova edizione. Cosa fare? Cancellare? Tenere gli indirizzi ancora per un po’? Le avvisi tu? Ci sto pensando. E se non hanno la visualizzazione immagini attivata? Magari mi hanno letto ma a Revue sembra di no.

Niente su Sanremo, va bene lo stesso?

Cose scritte da me

Sai quelle cose che ti frullano in mente, ma finché non sono mature non riesci a scriverle? Ecco, l'ho fatto. Di funnel e di niente. E chi capisce la cit. è <3.

Di funnel e di niente | [mini]marketing

Di funnel e di niente | [mini]marketing

Il funnel è tornato di moda, ma è molto spesso fondamentalmente irrilevante.

www.minimarketing.itCondividi

(ecco il file da scaricare citato nel post)

E quindi è forse ora di ripassare i fondamentali, a partire dal social object. Ma prima la vignetta fondamentale della mia generazione, che forse si è arresa troppo presto.

Per spiegare il SO mi affido alle affilate parole di traduzione di Antonio Tombolini: uno che come me spesso ha la disgrazia di essere troppo in anticipo sui tempi.

Il Social Object spiegato – Simplicissimus

Questo è ciò che si chiama “Passaparola”. Quando funziona, funziona molto molto bene. Il problema è che funziona raramente. E l’uomo-marketing non è in grado di controllarne il risultato. Ma il capo dell’uomo-marketing non vuole ascoltare queste cose. Ancor meno l’uomo-marketing vuole dirle al suo capo. E così ci costruiamo sopra dei miti, per sviare la paura e mascherare l’ignoto. Nascondere la casualità, in un mondo in cui L’INCERTO E IL CASUALE NON DEVONO POTER SMANTELLARE THE MATRIX. MAI.

antoniotombolini.simplicissimus.itCondividi

poi c'è l'originale, GapingVoid. Che prima di diventare un po’ troppo venditore di quadretti, aveva fulminanti idee di marketing.

What is a Social Object? - GapingVoid

Il social object dalla A alla Z.

www.gapingvoid.comCondividi

Esperienze da cliente

Non sono convintissimo che Ryanair sia GDPR compliant 100%.

La tutina che ho provato è già fallita

Se non hai capito di che parlo, non hai aperto la lettera di due venerdì scorsi, male.

qz.comCondividi

Cose mie che forse ti sei perso

Reportage: ho letto 2.000 newsletter della GDO in un anno

Naturalmente per lavoro, perché non credo che nessuna persona sana di mente ne guardi più di 2.000 in tutta la vita.

www.minimarketing.itCondividi

Google Plus

è definitivamente morto, in un mare di ignominia e di disinteresse. Per una volta che posso dire “io ve l'avevo detto”, lasciatemi l'hubris. Un mio post subito dopo aver provato la versione beta di G+.

Perché questo Google Plus non mi interessa

Non mi convince, in sintesi.

www.minimarketing.itCondividi

Cose lette in giro e commentate

Un’attenzione ben visibile anche nei profili social del prodotto: su Instagram ha raggiunto gli 11.000 follower, mentre su Facebook i fan sono ormai 243.000. Questo pubblico di affezionati è stato premiato dal proprio amaro preferito, con la possibilità di gustare in anteprima lo spot.

Affezionati.

Qui Facebook

Cose da sapere sul perché Facebook va meglio di quanto ci avessero detto i giornali

La morte di Facebook è “grandemente sopravvalutata”: Facebook continua a fare utili, ad avere il formato più in crescita (le storie), a essere competitivo rispetto a Google Ads sulla conversione e soprattutto ad aumentare gli utenti attivi, nonostante Cambridge e l'intera stampa contro. E se volete ascoltare il mio “io l'avevo detto”, ecco il mio podcast primaverile.

www.emarketer.comCondividi

Qui Amazon

Allora, negli USA Amazon Marketplace non vuole che vendiate su Amazon prodotti a prezzo più alto di quello che è possibile trovare altrove, e Walmart fa lo stesso. Indovinate come è finita. (Via Digiday Retail Newsletter)

In particular, according to responses in the forum, Amazon is monitoring Walmart prices to ensure that nothing is cheaper on the competitor’s site. The shift in policy actually forced Walmart to change its own strategy: Walmart used to leave listings on its marketplace as “Unpublished” unless the price was cheaper than the item on Amazon. Now, it allows sellers to list higher-priced items.

In Italia il 58% degli utenti ha Prime. Quante famiglie sono, visto che l'account viene condiviso? E quel 58% acquista solo su Amazon, e solo i prodotti Prime. Non vi fa paura. amici della GDO?

Qui Google

Come Google collasserà

Se vi piace il fantasy. Anche se qualche punto non è così fantasioso, dopotutto, e qualche serio dubbio sul fatto che un'azienda con il 99% dei ricavi provenienti da un unico prodotto, per quanto al momento monopolista, possa essere considerata a rischio.

hackernoon.comCondividi

Perché le azioni di Google calano anche se i profitti crescono

Principalmente perché Google sta “comprando” traffico per il suo prodotto di cui sopra. Il che significa che non è più in cima alla catena alimentare del digitale — almeno per molti. Chi è in cima è chi possiede il device mobile.

www.marketwatch.comCondividi

Il corso di markettese

Il nostro obiettivo era presentare il nuovo alleato domestico nella sfida contro il calcare – afferma Brand Manager di Brand - un detergente creato con una speciale formula innovativa superpotente sul calcare e, allo stesso tempo, superdelicata sulle cromature e le superfici di casa.

Super.

I corsi online di Digital Update

sono diventati quattro: SEO, GDPR, Grafica e Google Analytics

Impara dai docenti Digital Update coi tuoi tempi e senza spostarti da casa: la formazione fuffa-free accessibile a tutti.

www.digitalupdate.itCondividi

Cose utili

Elisabetta Zurovac (<3) ha raccolto i filtri per le storie di Instagram creati da artisti digitali. I filtri sono una nuova modalità espressiva, un tipo di arte digital nativa?

Segnali disturba(n)ti: facce piallate, filtri alternativi e il mercato. – Zuroblog

Instagram ha reso le immagini modificate una pratica molto diffusa, tanto da dover inventare l'hashtag #nofilter quando si vuole comunicare una certa genuinità del contenuto postato. Ma le storie fanno un passo in più: modificano i connotati, il volto non basta più e un po’ per gioco e un po’ per piallarsi la faccia, spuntano i filtri.

zurobets.comCondividi

Buffer Stories Creator - fare storie dal PC

Anche se poi magari si vede che sono preparate prima, e un po’ finte. Fatelo provare al social media manager e ditemi com'è.

buffer.comCondividi

Finalmente si può attaccare Saleforce alle audience di Google Analytics

È molto importante per chiudere il customer journey, ma in Italia ti può interessare solo se lavori in grandi aziende, perché GA 360 costa 100.000 euro e più. Il digital divide non è la connessione a internet, ma lo strumento, ormai.

www.blog.googleCondividi

Il cinema di @kekkoz su Instagram

Se amate il cinema, è l'account da seguire, ora. Foto-storytelling di primissimo livello.

www.instagram.comCondividi

I doc di Arte.tv sottotitolati in italiano sono meravigliosi

E questo non fa eccezione.

“Lasciate il lavoro prima che vi uccida”: la striscia di fumetti pubblicata anonimamente da Kona Schiomachi su Twitter è diventata subito di virale in Giappone.

www.arte.tvCondividi

Cose che sto facendo in giro

Budget e strategia digitale in hotel: da dove partire? | BTO11

Il mio panel a BTO che vorrebbe mettere finalmente il “dipende giusto” sull'eterno dilemma del budget marketing da dividere tra Booking.com e il proprio sito. A marzo, a Firenze, alla Leopolda.

www.buytourismonline.comCondividi

Il marketing online del vino

Terza tappa del roadshow #piccolemediedigitali del Registro il 15 febbraio a Udine, alla Camera di Commercio, un evento di formazione dedicato alle strategie di marketing digitale nel settore vitivinicolo. Con me, Enrico Marchetto, Barbara Sgarzi, Elena Roppa, Paolo Ghislandi e altri prestigiosi speaker.

www.nic.itCondividi

I business sono conversazioni - Webinar

Il rapporto tra utenti e aziende è sempre più composto di conversazioni e chat. Insieme a Gianluca Diegoli, scopriamo quali sono i momenti, i casi e le applicazioni che dobbiamo pensare e inserire nel nostro funnel di vendita.

academy.mailup.itCondividi

Cose semi-serie

STOP! Non scrollate qui sotto. Prima pensate a cosa sta promuovendo questa “reclame” (mi sembra il termine giusto). Ok? Pensato? Ora continuate a scrollare in basso.

Biljana Prijic in [sempre grandi gioie dagli specializzati]

Biljana Prijic in [sempre grandi gioie dagli specializzati]

www.linkedin.comCondividi

Grazie Burgerking, mi stavo preoccupando tantissimo

Grazie Burgerking, mi stavo preoccupando tantissimo

notificheimportanti.tumblr.comCondividi

Osti cortesi

Saluti e baci

e ricordatevi di quelli nati dalla parte sbagliata del journey dell'umanità.

A venerdì,

gluca

Ti piace questa newsletter?

di Gianluca Diegoli

Lettera settimanale su marketing, digitale, strategia, retail, e-commerce.

Tweet Condividi

Se non vuoi più questi aggiornamenti, cancellati qui.

Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.

Curato con passione da Gianluca Diegoli con Revue.

minimarketing® Somewhere from internet in Emilia