Vedi profilo

🚗 [venerdì noleggio] Di auto(saloni), TikTok e dati per la personalizzazione

Ho creato per sbaglio un video su TikTok e sta andando verso le 13.000 view (sempre che TikTok ci dic
Il venerdì di [mini]marketing
🚗 [venerdì noleggio] Di auto(saloni), TikTok e dati per la personalizzazione
di Gianluca Diegoli • Newsletter #83 • Visualizza online
Ho creato per sbaglio un video su TikTok e sta andando verso le 13.000 view (sempre che TikTok ci dica la verità, io qualche dubbio ce l'ho). Quanti follower ho? 32.
Sì, 32. Perché TikTok, come lo era l'amato Tumblr, è il regno dell'extremistan (citato anche in questo numero della newsletter), in cui ogni post è una pallina rossa in tante palline bianche, ma che quando viene inaspettatamente sorteggiata vince tutto. Sei “famoso” per quindici secondi, ma non contarci troppo, potresti mai più riuscire a ripetere il colpo. E questo ha riflessioni sull'uso di TikTok per i brand, che però non farò ora.

Autosaloni digitali
Mi si è rotta la macchina, o quasi. Ogni otto-dieci anni mi capita, visto che non ho normalmente nessuna voglia di cambiare, sono un automobilista pigro e abitudinario. In 30 anni circa di guida e acquisti familiari (escludendo i magici anni delle auto aziendali) ho visto di tutto in questo settore. Dopo gli anni del pionierismo proto-digitale delle concessionarie (protagoniste di epici post sul blog), è arrivato il momento del drive-to-concessionaria.
Dunque nel 2020 ho ricominciato a cercare, ho camminato nel mio stesso customer journey. E ho capito quanto il concetto di analisi del customer journey sia ancora una cosa evidentemente sottovalutata nel credere che cosa influenzi oggi un acquisto e come si sentano le persone in questo percorso.
Mi limiterò a dire che c'è uno stacco abissale tra il super-targetizzato-profilato-digital-programmatico momento di consideration – in cui ormai mi escono imperdibili proposte di auto ibride a noleggio perfino quando accendo il forno a microonde, e il momento successivo di conversion: quando decidi di avere un contatto con il rivenditore o il brand è il caos vero.
Scrivi che vorresti essere contattato via mail e ti chiamano al telefono a caso. Prendi un appuntamento telefonico con un form ma ti chiamano a caso. Non ti trovano (ovviamente) e poi ti mandano una mail in cui dicono – un po’ piccati – che non ti hanno trovato e che se vuoi informazioni devi chiamare un numero in cui poi ti becchi – ti sta bene! – anche il risponditore automatico (uno per…, due per…, e così via). Vorresti chattare sul momento, mentre guardi una Toyota dal nome strano, ma non c'è un sito che ce l'abbia, la chat, o che funzioni o sia attiva. Tutti ti vogliono mandare da un concessionario a 40 km di distanza a fare un test drive. Vi capisco, sono il primo a sapere che il venditore è più efficace di un banner, ma io-voglio-fare-tutto-al-telefono, e andarci quando sono in fase very-short-list: due macchine, o una o l'altra.
Anni di post su come fare lead generation e nurturing muoiono così come virus con l'Amuchina. Certo, in un mercato in sofferenza capisco l'ansia di contattare qualsiasi lead ti arrivi senza rischiare che qualcuno arrivi dopo di te.
Fa abbastanza ridere che un settore che spende milioni e milioni di euro in advertising (500 milioni malcontati) si perda sul più bello del customer journey.
Cose mie
I trend social raccolti da me
Un web talk sul “new digital normal” delle piccole aziende dalla moda.
Il talk sulla ripartenza nel settore della moda, per PMI
Il talk sulla ripartenza nel settore della moda, per PMI
Letture
Nuovo business: le app anti stress.  - The New York Times
Oltre l'open rate: 5 KPI per misurare l'efficacia della tua newsletter | Digital Update
Gianluca Diegoli
la app che ti dice dove è la roba ❤️ cc @retailwatch_it
Walmart's new store design proves browsing is dead https://t.co/HKUeuaUPRP @fastcompany https://t.co/ZeDdTnxVFA
Il quiz della settimana
Ad agosto, rispetto allo stesso messo del 2019, le vendite dei centri commerciali sono:
a) calate del 12,6% b) invariate c) aumentate del 4,2%
Osservatorio Gen Z
Ho interrogato i miei studenti a IULM.
Corso di markettese
La scelta di fare propria anche l’ultima frontiera della criptovalute pare essere frutto di una decisione lucida, a ragion veduta. Infatti, l’azienda, a supporto di questa decisione, è ben consapevole che le capitalizzazioni totali di mercato di Bitcoin, Ethereum e Ripple vengono stimate complessivamente in circa 185 miliardi di euro. Un mercato cospicuo, figlio dell’innovazione e proiettato al futuro, che il brand %produttore di caffè% dichiara essere in linea con la sua filosofia, che in precedenza li ha spinti ad essere fra i primi a esplorare nuove soluzioni e negli anni ‘80 a scommettere sulla globalizzazione, portando il nobile caffè della tradizione partenopea da Napoli in oltre 55 paesi nel mondo.
Programmatic
Winter is coming. Ne abbiamo parlato in un podcast tempo fa.
UX School
Il solito user vs designer.
That's all folks!
Per questa settimana è tutto.
kisses,
gluca
Solo se eri già online nel 2001: se abiti attorno a Bologna e hai un blog, abbiamo rifatto un webring!
Quiz: la risposta corretta è c) +4,2. Le presenze sono calate del 12,6% ma è aumentato più che proporzionalmente lo scontrino medio (forse per i saldi?). Fonte
———
Sono Gianluca Diegoli e mi occupo di consulenza su strategia di marketing e di vendita digitale, (e)commerce e D2C inclusi. 
Questa newsletter è la sorella gemella del blog che tengo dal 2004. Un altro spin off è il blog sul marketing insegnato (d)ai negozianti.
Hai altri dieci minuti liberi? Qui ci sono tutte le edizioni della Lettera.
Ho scritto qualche libro, ma l’ultimo («Svuota il Carrello») è quello che mi rappresenta di più. 
Insegno in IULM e in Master. 
Ho co-fondato Digital Update, una delle prime scuole italiane di formazione digitale online, e con altre due tipe più smart di me ho avuto l’idea del primo FreelanceCamp. 
Ho creato canvas e un manifesto per la trasformazione del marketing. 
Da marzo tengo un canale Telegram con link a dati economici, settoriali e di vendita pre, durante e post lockdown-covid.
Bocconiano anomalo, proud generation X member. 
«La noia è una risorsa»
Se vuoi proporre temi a questa newsletter rispondi alla mail: molto semplice. La stessa cosa se la vuoi sponsorizzare. Se ti è servita a qualcosa puoi anche pagarmi un caffè qui. Se lasci un commento sotto usando i pollici mi fa piacere.
Ti piace questa newsletter?
Gianluca Diegoli

Lettera settimanale su marketing, digitale, strategia, retail, e-commerce.

Tweet     Condividi
Se non vuoi più questi aggiornamenti, cancellati qui.
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Gianluca Diegoli con Revue.
minimarketing® Somewhere from internet in Emilia