Vedi profilo

🍗 [venerdì, 1MSC] Delivery di pollo fritto di contrabbando

L'ultima volta che ho fatto la spesa ho dimenticat2o l'acqua nel carrello. Anzi, nel sottocarrello –
Il venerdì di [mini]marketing
🍗 [venerdì, 1MSC] Delivery di pollo fritto di contrabbando
di Gianluca Diegoli • Newsletter #64 • Visualizza online
L'ultima volta che ho fatto la spesa ho dimenticat2o l'acqua nel carrello. Anzi, nel sottocarrello – quella specie di pedaliera che si estrae per metterci merce voluminosa – il portapacchi del carrello. (Tra l'altro, ho sempre trovato il carrello poco usabile: ci vorrebbero dei ganci per attaccare i manici delle borse riusabili della spesa. Il carrello è lo stesso da 20 anni, possibile che l'evoluzione non contempli qualcosa di meglio?). In ogni caso, sono tornato indietro dopo dieci minuti e… l'acqua non c'era più. Ovviamente, qualcuno se l'è portata a casa. Bassa friction e basso rischio uguale incentivo al furto, anche se di poco valore. Ma perché compro l'acqua in bottiglia? Perché dal lockdown non ho più avuto voglia e tempo di passare all'Unieuro a cambiare la bombola di Sodastream, per comprare e rendere il vuoto, di cui sono sempre stato un forte fan. Ho provato a vedere se era possibile fare una sostituzione, ma niente. Solo se hai DUE bombole vuote da sostituire arriva il corriere. Se ne hai una, nisba. Friction anche qui. E così niente, compro l'acqua frizzante dal produttore più vicino a casa, con la bottiglia più riciclata che ha. Avete notato come le bottiglie riciclate stiano diventando sempre più sottili? Praticamente tra un po’ saranno dei budelli molli che si autodistruggeranno. Ho pensato anche di usare il tipo col camioncino che fa il giro del quartiere e porta l'acqua in bottiglia di vetro, ritirando i vuoti. Ma non l'ho trovato su internet e non avevo voglia di chiamarlo. Friction, anche se esopomicamente l'ho incolpato di avere un furgone che sembra bruciare gasolio e olio, e quindi non è sufficientemente ecologico.

🍗 Girare attorno agli ostacoli, soprattutto quelli assurdi e focalizzarsi su di un target preciso, è il segreto di ogni modello di business. La storia di come a Gaza si siano inventati una startup di crowd-delivery che sfrutta i frontalieri per consegnare KFC ai propri clienti (arriva dopo qualche ora, è freddo e costa più di 20 dollari). But still, per me è la startup dell'anno.
🛒 Sono tornati un paio di volantini nella buchetta. Li ho guardati con occhi nuovi, un po’ in astinenza. E subito in un dettaglio ho visto cosa significa essere un brand: lo vedete anche voi? Vale come quiz della settimana.
🛋️ E niente, il new normal è già in discussione. “Avete visto le code fuori dall'Ikea? La gente non vede l'ora di tornare in negozio!” Però – fonti bene informate dicono che – passato il flusso iniziale di quelli che non resistevano più senza scaffale il flusso settimanale non sia rimasto poi così elevato. Non facciamoci ingannare dagli aneddoti e dalle foto col teleobiettivo. La movida dell'Ikea. Comunque Footlocker sta scappando dai centri commerciali.
📚 È circolata la notizia di come un sito americano, fantasiosamente denominato Bookshop, sia il nuovo strumento delle librerie per fare competizione ad Amazon. Il modello di business, per cultori della materia, è interessante: le librerie indie non solo non spediscono i libri, ma non li posseggono nemmeno, in quanto vengono spediti da un distributore all'ingrosso. Alla fine si tratta di affiliazione, online oppure offline che sia. Il mio verdetto: bel tentativo, ma se non hai un traffico enorme, di affiliazione non campi.
📺 Da un po’ mi sono fatto l'idea che l'innovazione nel digitale sia come una vite. Avanza, ma gira sempre attorno a certe cose (che poi fondamentalmente sono i bias umani). Per esempio, si parla tanto, non ancora in Italia, ma arriverà, di video-commerce, o live-commerce. Non mi riferisco ai video su Instagram che servono per farvi atterrare su di un sito che vende imperdibili sturalavandini-come-ho-fatto-prima-senza, ma le televendite ripensate online. Non c'è niente più coinvolgente della vendita personale, e il suo succedaneo più vicino è la televendita. Ma la TV non è più sufficiente/necessaria. Oggi possiamo fare “televendita” su ogni sito, e aggiungere socialità e intrattenimento (oltre al vecchio mestiere dell'imbonitore, traslato online). E se i centri commerciali diventassero online aggregatori di stream di vendita? E se qualcuno facesse il Twitch dello shopping? Se vi interessa una rassegna più completa, qui e qui.
📉 Mi sono trovato ad applaudire da solo a questo articolo di Om Malik (se non lo conoscete siete giovani) che dice che il Covid è come lo scoppio della bolla del 2001 delle dotcom. Fa male, ma nasce un mondo digitale migliore. Per esempio arrivarono le API. Spero sia così. Del resto peggio che nel 2000 è impossibile, quando i troppi soldi portarono – a parte assurdi sprechi, come sempre accade – troppi manager predoni a entrare in un settore di cui non conoscevano nulla (salvo i benefit), con la colpevole assistenza degli head hunter – che sopravvalutano sistematicamente i titoli del passato (se sei stato AD e hai fatto disastri, sarai preferito comunque a qualcuno che non è mai stato AD).
🎁 Sono iniziate le settimane delle proroghe gentilmente concesse dai brand: Italo e Trenitalia che allungano la scadenza dei punti, Sky che regala un altro mese di cinema, Eurosport che ne dona due (tanto non c'è nulla da vedere). Netflix è sempre un passo avanti: ha cancellato gli utenti paganti che non guardavano più. Il brand non è acqua, come la classe. IBS invece mi ha mandato una mail per dirmi che proroga il suo programma fedeltà nominandomi Cliente Argento. Ho sempre amato essere il numero due. Sono serio.
📬 E se il lead nurturing comportasse di mandare, ad un certo punto, una mail di… carta? Per esempio in Digital Update mandiamo quaderno e gadget a chi si iscrive a una live masterclass. Mailchimp consente di mandare… cartoline. Credo che ci sarà da divertirsi nel mescolare cose di atomi con cose di bit. Qui hanno raccolto un po’ di idee per portarsi avanti.
📉 Nel frattempo la pubblicità ha perso a marzo il 29%, circa 243 milioni di euro rispetto allo stesso mese del 2019 (594,7 milioni vs 837,7 milioni). 
Solo bevande / alcolici a +8,7%. Ma il loro periodo dorato potrebbe essere alle spalle.
Ora nell'industria dei media chi vive più degli altri di sottoscrizioni ripartirà avvantaggiato.
💤 Sempre più pigri e tracciabili: la miniera d'oro del marketing.
“Data science can produce information about real-time events and allow marketers to tap into those situations to target customers. For example, marketers of a hotel company can use data science in real-time to determine travelers whose flights were delayed. They can then target them by sending ad campaigns directly to their mobile devices.”
🏪 Negozianti
Anche per questa settimana è tutto. State distanziati,
gluca
PS: ovviamente era i 4 cent di differenza tra acqua no brand e l'altra.
Sono Gianluca Diegoli e sono specializzato nel ripensare la strategia di marketing per l’era digitale.
Ti piace questa newsletter?
Gianluca Diegoli

Lettera settimanale su marketing, digitale, strategia, retail, e-commerce.

Se non vuoi più questi aggiornamenti, cancellati qui.
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Gianluca Diegoli con Revue.
minimarketing® Via Borgo San Pietro 22, Bologna