Vedi profilo

☀️ [summer fridays #1] Lattai, filtri per l'acqua, mamme

Questa è la newsletter numero 70 della nuova serie, anche se c'è scritto 69. Ho cancellato per sbagli
Il venerdì di [mini]marketing
☀️ [summer fridays #1] Lattai, filtri per l'acqua, mamme
di Gianluca Diegoli • Newsletter #69 • Visualizza online
Questa è la newsletter numero 70 della nuova serie, anche se c'è scritto 69. Ho cancellato per sbaglio la versione web, quindi se avete visto delle immagini vuote nelle email, è colpa mia, non della vostra connessione vacanziera.
Da oggi questa newsletter è in versione estiva: più corta, leggera e spiegazzata. O meglio doveva essere, poi è quasi come le altre.
Esperimenti: da un paio di settimane ho cominciato a cliccare sugli annunci di purificatori di acqua domestici. In realtà ho iniziato da uno, poi ne ho visti due e ho cliccato su di un altro, poi sono diventati una decina, ora su Facebook e Instagram vedo solo purificatori di acqua domestici.
È un esperimento interessante, che consiglio a tutti di fare: non necessariamente con i purificatori di acqua domestici. Vi aprirà un mondo. Ogni competitor verrà mostrato e proverà a vendervi qualcosa. “Non ci sei riuscito? OK, tocca a me!” sembrano dire mentre aspettano in fila. Non che ci sia molta fantasia, nel settore: plastica è male, bottiglia è fatica, acqua del comune no buona. Alcuni si azzardano oltre la fatidica soglia del “sarà anche pericoloso tutto quel cloro?” Ma nell'Anno del Disinfettante Ovunque non credo che la gente si spaventi per un po’ di cloro nelle tubature.
In ogni caso, tutti puntano a venire a casa vostra a farvela vedere (l'acqua) e mostrarvelo (l'oggetto). Naturalmente vi chiedono il numero di telefono e la mail. Ma questa è solo un backup se non riescono a beccarvi al cellulare (il mio è rigorosamente sempre inventato, ovviamente). Chissà perché, questa ossessione per farvi visita. Io lo so, qualcuno di voi lo sa. Gli altri devono comprare il mio libro “Svuota il carrello” e andare al capitolo 12.
La cosa stupefacente è che questi inserzionisti sono tutti attratti da qualche “interesse” che Facebook gli ha comunicato. Io potrei avere già comprato il purificatore di acqua domestico, e quindi tutta questa pubblicità sarebbe sprecata. L'intelligenza artificiale di Facebook (e Google soprattutto) cerca sempre di farci competere “in-market”, cioè nei segmenti “che già stanno attivamente cercando o interessati a un prodotto” che è l'oceano rosso per eccellenza.
Non ho ancora un'idea precisa di cosa questo significhi, o come e se debba essere evitato, ma mi ha fatto pensare a cosa succede davvero quando affidiamo la nostra strategia agli algoritmi (pro domo loro).

📚 E il libro?
Va benissimo, grazie della domanda! Le vostre foto su Instagram con il libro abbinato ad oggetti diversi sono accuratamente catalogate qui.
Venerdì scorso sono stato sul Venerdì di Repubblica (pdf).
Le recensioni private della settimana hanno invece messo in luce un certo target o protagonista fertile e inaspettato: le madri.
Non sono stato ancora abbastanza convincente? Compralo o non ti libererai più della MAIL-PROMOZIONE in questa newsletter. Puoi comprarlo su Amazon o dal tuo libraio di fiducia o altre librerie online e avrai l'esclusivo diritto di lasciare una recensione!
In settimana
💡Ripensare il business
Mi ha fatto pensare la strategia di Bacardi, non tanto quella di comunicazione quanto di modello di business, un vero pivot. Partnership con Deliveroo per aiutare i pub a inviare cocktail ai loro clienti a casa. Ecommerce diretto, perché l'ecommerce, in tempi di distanziamento in calo ma sempre in agguato, è un'ottima assicurazione sulla vita. Primark non l'aveva previsto, e quest'anno perderà due terzi dei profitti.
🥛 Il paradigma del lattaio
Parlando con mio padre dello scenario commerciale anni sessanta della provincia ferrarese, ho scoperto che buona parte delle cose venivano consegnate a domicilio, e che per molti negozianti l'apertura del punto vendita è stato un passaggio successivo. Negli USA il 30% del latte veniva consegnato negli anni 60, solo il 5% nel 2006. E se l'ecommerce fosse solo un ritorno a un equilibrio tra chi vende e chi compra, rispetto al tempo speso a fare la spesa? E se ci fosse una connessione tra il declino dell'automobile e l'ecommerce? E se il supermercato non fosse necessariamente normale?
Su questi temi questo è l’articolo da leggere.
🏖 Un talk sul futuro del turismo
Come ripartire? Quali sono le forme del turismo post covid?
Modero nientepopodimeno che Roberta Milano e Francesco Tapinassi nel primo dei talk di Piccole Medie Digitali Online per Registro .it. È gratis, ma serve la registrazione.
Rubriche
❓Quiz della settimana
Quanto è cresciuto anno su anno a maggio l'ecommerce in Italia?
a) 98% b) 136% c) 189%
⚙️ Programmatic
Non so dove sia Adria. Forse c'entra con il filtro dell'acqua?
🛠 Lo strumento della settimana
Calendly mi ha salvato la vita. Consente facilmente di fare prenotare agli altri degli slot di tempo per consulenze e telefonate varie
⛽️ Negozianti genuini
💌 Non c'è il numero della settimana scorsa, ovviamente, perché l'ho cancellato per sbaglio. Così impari a non leggermi quando potresti.
Su Digital Update ci sono i saldi. Per esempio, il mio corso di marketing viene via a un incredibile e irripetibile prezzo di 119 anziché 198 euro, con il codice “LUGLIOMENO25”.
È tutto per questa settimana. Come al solito, se ti è piaciuta, girala a tua madre via Whatsapp. Ma soprattutto, ricorda che il mio libro è un ottimo regalo per la fine del lockdown e fa fare una gran figura nelle brughiere (non so cosa siano) in cui leggere ben distanziati.
con affetto,
gluca
Ti piace questa newsletter?
Gianluca Diegoli

Lettera settimanale su marketing, digitale, strategia, retail, e-commerce.

Se non vuoi più questi aggiornamenti, cancellati qui.
Se hai ricevuto questa newsletter tramite inoltro e ti piace, puoi iscriverti qui.
Curato con passione da Gianluca Diegoli con Revue.
minimarketing® Somewhere from internet in Emilia